News | 20 Dicembre 2018 | Autore: redazione

Riparazione a regola d’arte: Confartigianato c’è, passo indietro dei consumatori
Il 18 dicembre c’è stato un altro incontro convocato da Confartigianato insieme a CNA e Casartigiani. Il motivo del ritrovo è stato quello di definire le linee guida per le riparazioni a regola d’arte, in attuazione dell’articolo 1, comma 10, della Legge n. 124/2017.

Confartigianato fa sapere che l’ultimo meeting ha visto l’assenza della quasi totalità delle Associazioni dei consumatori rappresentate nell’ambito del CNCU, ad eccezione di due Organizzazioni presenti, ma prive di mandato a pronunciarsi nel merito dei lavori odierni.

Sulla nota ufficiale si legge che “Confartigianato ha preso atto con sorpresa e rammarico della posizione dei consumatori, sia poiché non è stata formalmente comunicata e motivata con adeguato preavviso, nel rispetto dei partecipanti e degli impegni assunti dal tavolo, sia in considerazione del proficuo lavoro già sviluppato, che, ora, per ragioni che appaiono estranee alla vera finalità del tavolo, rischia di subire una battuta d’arresto, allontanando la prospettiva del risultato finale”.

Da parte di Confartigianato è stata ribadita la volontà di portare al più presto a buon fine i lavori dell’unico tavolo in cui si riconoscono le Confederazioni, tavolo formalmente istituito che ha già ha avviato un confronto costruttivo e prodotto i primi risultati concreti.
L’incontro ha avuto luogo comunque con la presenza di Confartigianato, Cna e Casartigiani, di ANIA e di alcune Compagnie di Assicurazione – Generali, Allianz e Cattolica -, nonché delle due Associazioni dei Consumatori, e si è incentrato sull’esame della proposta di declinazione delle linee guida elaborata da Confartigianato, insieme alle altre Confederazioni, tenendo conto dei punti di convergenza scaturiti dalle riunioni precedenti, dei contributi dei partecipanti e del documento di Assoutenti. Ciò al fine di integrare ed attuare i contenuti della Legge n. 124/2017, in una dimensione più ampia rispetto alla semplice codifica di parametri tecnici, per garantire al consumatore finale standard di qualità e trasparenza delle informazioni e creare valore aggiunto sul mercato.

La proposta di Confartigianato sarà rielaborata sulla base delle indicazioni emerse dall’ultimo dibattito e di osservazioni successive che saranno formalizzate, e sarà poi sottoposta alla preventiva condivisione di tutti i partecipanti per essere poi valutata nel nuovo incontro del tavolo fissato per mercoledì 23 gennaio 2019.

Confartigianato auspica che, già nella riunione del 23 gennaio il tavolo possa ritrovarsi nella sua composizione trilaterale completa, come previsto dalla Legge n. 124/2017, per portare a buon fine il lavoro intrapreso ed arrivare, in tempi rapidi, a mettere a punto un documento che, se condiviso da imprese, consumatori e ANIA potrà diventare il riferimento per regolamentare i fattori critici che caratterizzano il mercato, a beneficio di tutti gli attori interessati.

Photogallery

Tags: ania assicurazioni confartigianato cna casartigiani

Leggi anche

2019© Collins Editore - P.Iva 13142370157