News | 01 Marzo 2021 | Autore: redazione

Network riparatori, CO.RI.IT by SAOL: il sito web è online

“Le nuove risposte per il futuro dell’automotive”: è online il sito web di CO.RI.IT by SAOL.

 

È online il sito web di CO.RI.IT by SAOL (www.coritalia.it), network di riparatori italiani nato sul finire del 2018 dall’unione di CO.RI.SUD e SAOL (per saperne di più clicca qui).

Il portale, pratico e intuitivo, è semplice da utilizzare e fornisce tutte le informazioni riguardanti CO.RI.SUD, il Consorzio nato nel 2009 che ad oggi raggruppa oltre 100 imprese (in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna e Molise) attive nel mondo della riparazione, e SAOL, società che opera da oltre un decennio nel mercato dei servizi alle flotte aziendali.

In particolare, il sito offre a tutti i visitatori una struttura semplice, un facile accesso alle diverse sezioni e la possibilità di conoscere più in dettaglio CO.RI.IT by SAOL, cioè un network con una copertura capillare in tutto il territorio italiano con aziende multiservice in grado di offrire servizi a 360 gradi, strutture ampie con personale qualificato.
Indichiamo, inoltre, che il portale è suddiviso in 8 sezioni: “Home”, “CO.RI.SUD”, “SAOL”, “CO.RI.IT BY SAOL”, “I nostri servizi”, “Flusso operativo”, “Riparazioni e assistenza” e “Servizi riservati”.

Tra i servizi offerti accennati dal sito web ricordiamo: car valet per consegna e ritiro veicolo gratuito, lavaggio e sanificazione del veicolo, vettura sostitutiva, check-up completo prima della consegna, prezzo e procedure trasparenti, riparazioni conformi agli standard del produttore e garanzia estesa sulla riparazione.

Gli affiliati CO.RI.IT by SAOL assicurano interventi di qualità nelle seguenti aree: meccatronica, carrozzeria, pneumatici, assistenza stradale, noleggio e revisione.
Segnaliamo, infine, che il sito web è anche utilizzabile da qualsiasi tipo di supporto (PC, tablet e smartphone).

Photogallery

Tags: network carrozzerie Co.Ri.Sud Saol flotte

Leggi anche

APPROFONDIMENTI | 14/11/2022CSM 360: c’è bisogno di serietà