News | 06 Maggio 2020 | Autore: redazione

Noleggio, l’appello di ANIASA al Governo: “occorre fare presto”

ANIASA si rivolge al Governo, richiedendo due interventi immediati. Ce li spiega il presidente dell’Associazione, Massimiliano Archiapatti.
 

ANIASA ha diffuso gli ultimi dati relativi al mondo del noleggio veicoli: -97% per il settore nel suo complesso (dalle 57.000 vetture di aprile 2019 alle 1.500 del mese scorso) e addirittura -100% per il breve termine che ha immatricolato solo 12 autovetture. In due mesi di lockdown si sono immatricolate oltre 106.000 vetture a noleggio in meno (rispetto allo stesso periodo dello scorso anno).

A fronte di questi numeri, perciò, l’Associazione si rivolge al Governo, chiedendo interventi urgenti nei prossimi provvedimenti a supporto dell’economia per evitare il tracollo della filiera automotive e turistica.

“Due mesi di blocco delle attività hanno portato a una situazione drammatica e la ripartenza del mercato non sarà automatica e prevederà tempi lunghi. Il turismo e l’automotive sono al collasso, è necessario intervenire immediatamente, osserva Massimiliano Archiapatti, presidente di ANIASA, che aggiunge, “A tal fine, abbiamo richiesto al Governo, tra gli altri, due interventi immediati per provare a salvare la stagione estiva e per dare ossigeno alla mobilità aziendale, generando un effetto volano per l’industria automotive in forte crisi: un voucher per le famiglie da poter spendere per una qualunque attività compresa nell’offerta turistica del nostro Paese (autonoleggio compreso) risveglierebbe una domanda al momento totalmente inesistente; il ripristino del superammortamento per i veicoli aziendali genererebbe benefici economici e finanziari per l’intera filiera dell’auto (dai costruttori ai noleggiatori, ai concessionari, ai centri di assistenza e manutenzione), accelerando anche lo svecchiamento del parco circolante, oltre ad un positivo ritorno per le casse dell’Erario”.

Photogallery

Tags: autonoleggio aniasa

Leggi anche

APPROFONDIMENTI | 23/07/2020Il Covid-19 colpisce, il noleggio reagisce