News | 29 Aprile 2016 | Autore: Redazione

Italy Insurance Forum dà voce ai carrozzieri
Mercoledì 27 aprile è andato in scena il convegno Italy Insurance Forum presso lo Starhotel Business Palace di Milano. I protagonisti della giornata sono stati i tecnici e gli esperti del settore assicurativo, ma anche gli esponenti dell’autoriparazione per dibattersi su questioni di attualità. La giornata è stata divisa in cinque aree tematiche di approfondimento: sinistri, digital insurance, underwriting, human resources e carrozzieri.
Un’occasione perfetta per i professionisti del settore assicurativo e della carrozzeria per discutere, confrontarsi e ascoltare le esigenze di entrambi.
Le cinque aree tematiche:
  1. Sinistri: questo focus si è concentrato sul capire quali saranno i costi 2016 del sinistro a fronte del DDL concorrenza, liquidazione come servizio e dematerializzazione.
  2. Digital Insurance: un’occasione per fare il punto della situazione su come le compagnie possono coprire il gap della trasformazione del Customer Journey tra Multicanalità e Big Data
  3. Underwriting: L’insurance of Things come opportunità per migliorare la sottoscrizione e lo sviluppo del prodotto
  4. Human Resorces: quali sono le nuove figure professionali nate nel settore assicurativo e come cambia la formazione
  5. Carrozzieri: come realizzare partnership tra compagnia, carrozzieri e altri fiduciari per una migliore Customer Experience.
“Carrozzeria Autorizzata” ha partecipato all’evento come media partnership. La nostra attenzione è stata riposta sul convegno Carrozzieri in cui hanno preso parte Davide Galli, presidente di Federcarrozzieri, Anna Maria Gandolfi, amministratore delegato Consorzio Inretecar, Andrea Pusceddu, vice presidente Federconsumatori, Jean Pais, Présidente Régione Rhone Alpes della FFC Réparateurs, Renato Esposito, direttore Corisud e Stefano Manenti, titolare carrozzeria Pellegatta.
Una discussione accesa in cui i rappresentati hanno spiegato a gran voce le proprie ragioni sulla questione assicurazioni. In particolare il presidente di Federcarrozzieri, Davide Galli, ha fatto sentire senza tanti giri di parole le proprie ragioni sul Ddl concorrenza e sulla questione assicurativa, confrontandosi direttamente con i presidenti Marco Mambretti, AICIS, e Filippo Zaffarana, Federperiti. Il messaggio è chiaro: il Ddl concorrenza non può essere l'ennesimo compiacimento allo strapotere assicurativo. Ma non solo, In Italia già abbiamo i premi assicurativi più alti d'Europa, non si può consentire alle compagnie di alzare questa asticella sempre di più. Ciò che richiedono i gli esponenti in aula? Portabilità delle polizze, riduzione tasso di concentrazione delle compagnie e la libera scelta del riparatore.
Durante la mattinata invece nell'aula per la discussione dei sinistri Umberto Guidoni, dirigente responsabile servizio auto Ania, ha focalizzato l'attenzione sul discorso antifrode in fase assuntiva: dalla contraffazione dell'attestato di rischio a quella della carta di circolazione. Ma durante l'intervento ha esposto anche il pensiero sul Ddl concorrenza ancora fermo al senato e che al momento Ania ritiene poco utile. Dopo Guidoni si è tenuta una tavola rotonda. Il tema centrale? Riparazione in forma specifica sì o no? Un argomento che tocca da vicino anche i carrozzieri, ma in questo caso hanno preso parte alla discussione Allianz, Generalicar, Alma gruppo multiasistencia.
Tutto questo e molto altro sarà spiegato dettagliatamente in un approfondimento dedicato esclusivamente all’evento Italy Insurance Forum.
 

Photogallery

Tags: assicurazioni federcarrozzieri carrozzeria

Leggi anche

APPROFONDIMENTI | 07/03/2017Federcarrozzieri: io non ho paura
OPINIONI | 09/03/2017Il punto di rottura