News | 20 Febbraio 2019 | Autore: redazione

I sistemi ADAS obbligatori dal 2020
Il Parlamento Europeo ha approvato una proposta di legge per rendere obbligatori i sistemi ADAS su veicoli di nuova immatricolazione a partire dal 2020.

In particolare tutti i nuovi veicoli, siano essi auto, furgoni, truck e bus, dovranno ben presto obbligatoriamente essere equipaggiati con sistemi come frenata automatica di emergenza, predisposizione a etilometro integrato, riconoscimento sonnolenza e soglia di attenzione, registrazione in caso d’incidente, avviso di frenata d’emergenza, cruise control adattativo, mantenimento attivo dell’auto in carreggiata, telecamera di retromarcia o sensori di prossimità.
 

Obiettivo ADAS: impatti zero

Sviluppare gli ADAS è determinante per la riduzione degli incidenti, naturalmente. In Italia si calcola che attualmente circolino 38,5 milioni di auto, a cui si aggiungono 5 milioni di veicoli merci. L’età media del parco è ancora abbastanza alta, circa 11 anni. Secondo un recente seminario promosso da ACI, si calcola che nei 175.000 incidenti denunciati nel 2017, si siano registrati oltre 3.000 morti e 17.000 feriti di una certa gravità.

Al primo posto degli incidenti vi è la distrazione, poi la mancata precedenza e infine l’elevata velocità. C’è da dire però che le auto sono sempre più sicure. Non solo lo dicono i dati, ma è stato svolto anche un crash test tra un’utilitaria del 1997 (Rover 114) e una del 2017 (Toyota Yaris) con risultati ben visibili.

Secondo i dati nazionali poi, nel 2017 il numero dei morti per incidenti auto si è abbassato di oltre il 60% rispetto al 2001, di quasi il 50% in meno nel caso di veicoli trasporto merci, di circa il 49% in meno per pedoni, del 30% in meno per i ciclisti e del 13% in meno in caso di moto.

Un piano europeo, ancora sperimentale, prevede proprio l’avvicinamento alla guida autonoma o assistita, ovvero proprio di quelle vetture dotate di sistemi ADAS sempre più “umanizzati”.     
 
 

Photogallery

Tags: guida autonoma adas

Leggi anche

APPROFONDIMENTI | 27/06/2019ADAS Mobile: verso l’ADAS e anche oltre
2019© Collins Editore - P.Iva 13142370157